Cambiare la propria vita con la psicoterapia

“la psicoterapia non è pratica, io ho bisogno di un aiuto concreto”. E’ davvero così astratta la psicoterapia? qual è l’aiuto concreto che la psicoterapia può dare? come abbiamo visto in un passato articolo (lo trovi qui), obiettivo della psicoterapia è il cambiamento. Ok, ma se io non riesco a dormire da settimane, se sono costantemente preoccupato per la mia salute, se a scuola i prof mi dicono che sono svogliato, se con mio fratello non parlo più da dieci anni, se non riesco a trovare un partner e a rimanerci insieme, come può la psicoterapia aiutarmi a cambiare le cose? vediamo di seguito in che modo:

  • prima fase del problem solving: ammettere di avere un problema. “non dormo e questo non mi va”
  • seconda fase: comprensione del problema. Ok, non dormo. A cosa penso mentre mi rigiro nel letto? Cosa è successo nel periodo in cui ho smesso di dormire? Ci sono stati – o ci saranno a breve- cambiamenti in famiglia? Ho avuto perdite o ho paura di averne a breve? Come vanno le relazioni con le persone importanti della mia vita?  la psicoterapia aiuta a porsi le domande utili a capire la natura pratica del nostro problema. Questo processo si chiama “diagnosi”.
  • terza fase: scomporre il problema in parti più piccole. Ad esempio, non dormo poiché penso continuamente che il mio partner mi lascerà. Come faccio a saperlo? Dove ho imparato ad aspettarmi questo? Che modelli di coppia ho in mente? Che immagine ho di me? le componenti del problema “non dormo” potrebbero essere quindi “comunicazione insufficiente” + “aspettative negative” + “modelli di coppia fragili” + “autostima bassa”. Siamo ancora in una fase diagnostica.
  • quarta fase: scelta della/delle componenti da modificare. Ad esempio, chiedere chiarimenti al partner con un linguaggio diretto  e schietto è una capacità che può essere acquisita in psicoterapia. In realtà si può acquisire anche in percorsi non psicoterapeutici, ma se sin da piccoli ogni volta che ci esprimevamo in modo diretto venivamo rimproverati, o ignorati o puniti allora è possibile che la psicoterapia sia l’intervento più indicato. Non si può comunicare in modo diretto e schietto se si ha una bassa autostima/un’immagine di sé svalutata. Questa fase corrisponde alla definizione degli obiettivi terapeutici.
  • quinta fase: avvio del cambiamento. Si stabilisce come modificare il proprio comportamento nella vita quotidiana per raggiungere l’obiettivo stabilito. E’una fase faticosa: richiede assunzione di responsabilità e tolleranza di un minimo rischio. Che emozioni provo al pensiero di cambiare? è  molto importante riconoscere chiaramente le proprie emozioni. Talvolta una grande paura serve a non contattare emozioni più profonde, come ad esempio la tristezza che sopraggiunge all’idea di perdere qualcuno.
  • sesta fase: valutazione dei cambiamenti sperimentati; tolleranza delle inevitabili frustrazioni, ricerca di nuove strategie e di nuovi comportamenti da mettere in atto. Ricerca di risorse personali, ambientali e sociali; talvolta possono essere reperite rileggendo la propria storia. La rilettura e l’attribuzione di nuovi significati può dare vita a una nuova immagine di sé innescando il cambiamento.

Cosa ne pensate di questo articolo? aspetto i vostri commenti!